Stampa

FNS replica al DAP su risposta per assegnazione 174° corso

on . Postato in Notizie

Dott. Massimo PARISI
Direttore Generale del Personale e delle
Risorse del D.A.P. - R O M A

Oggetto: Contestazione assegnazioni neo agenti del 174° Corso.
CHIARIMENTI SU RISPOSTA DAP DELL’ 11 GIUGNO 2019.
Abbiamo ricevuto la nota n. 0184891.U odierna con la quale il Sig. Direttore Generale del Personale risponde alla nostra contestazione del 30 maggio 2019 e relativa alla problematica dell’assegnazione di neo agenti di polizia penitenziaria in Sedi nell’aspirazione di

mobilità del Personale già in servizio precedentemente nel Corpo.
Dalla risposta del dott. Massimo Parisi si evince che l’assegnazione di neo agenti del 174° corso, in alcune Sedi ambite dalle aspirazioni di mobilità nazionale, non andrà a ledere il diritto di tutti coloro che nella nuova graduatoria definitiva di mobilità, pubblicata la scorsa settimana, sono utilmente collocati per le Sedi dove i neo agenti sono stati assegnati.
Se così sarà, Codesto Dipartimento sta formalmente dichiarando che tutte le 58 unità in graduatoria di mobilità per la C.C. di Catanzaro, così come le 22 in graduatoria per la C.C. di Cagliari, o come le 15 per la C.C. di Sassari, unitamente alle Colleghe aspiranti in analoghe condizioni che avevamo segnalato con la lettera del 30 maggio 2019, saranno tutti/e oggetto di provvedimenti di mobilità a domanda, nessuna unità esclusa. In ragione di quanto detto le unità assegnate ad esempio alla C.C. di Catanzaro risulteranno essere n. 62 (58 in graduatoria mobilità + le n. 4 unità assegnate dal 174° corso).
Aspetto diverso riguarderà casi tipo la C.C. di Reggio Calabria (Arghillà), dove per 28 posti disponibili in organico ci sono 50 unità aspiranti al trasferimento. In questo caso 4 posti dei 28 complessivi a disposizione sono già stati coperti con Personale neo assunto del 174°.
Con il totale dei provvedimenti che Codesto Dipartimento ha disposto nelle assegnazioni del 174° corso si è realizzato che circa il 20% dei neo assunti sono stati assegnati quale prima nomina nel Corpo in sedi del Centro e del Sud Italia. Questo pare poter implicare la possibilità che, per equità nel trattamento dei diritti dei neo assunti Agenti di Polizia penitenziaria, Codesto Dipartimento dovrà impegnarsi nel garantire tale possibilità anche ai Partecipanti al 175° corso che termineranno il loro percorso formativo tra meno di un mese.
Confermiamo pertanto la nostra scelta, ribadita ai tavoli di confronto al DAP, che avete assunto una decisione grave che produce (con la condivisione anche di parte del panorama sindacale) l’effetto che il principio di assicurare al Personale in servizio di avvicinarsi con la mobilità alle zone d’origine delle proprie famiglie viene di fatto superato nella vostra scelta e quindi scavalcati nelle aspirazioni dal Personale che viene assunto con i nuovi concorsi pubblici.
Una scelta questa che la FNS CISL dichiara nuovamente sbagliata !
Tanto dovevamo per chiarire la posizione della FNS CISL e per ribadire che le responsabilità di eventuali contenziosi - che il Personale già in servizio volesse attuare - troverà la nostra convinta condivisione.
In attesa di urgentissimo riscontro si porgono cordiali saluti.
C.I.S.L. F.N.S.
Pompeo MANNONE