Stampa

Casa Circondariale di Catanzaro.

on . Postato in Notizie

Pres. Francesco BASENTINI
Capo Dipartimento Amm.ne Penitenziaria
R O M A

Egregio Pres. Basentini,
lo scorso 21 novembre questa Segreteria Nazionale, coadiuvata dalla Segreteria FNS CISL della Calabria, ha effettuato una visita alla casa circondariale di Catanzaro.
Emerge dalla visita alla casa circondariale un chiaro impegno per apportare le necessarie modifiche, oltre che con importanti interventi manutentivi della struttura, anche in riferimento agli strumenti per migliorare la sicurezza dell’Istituto (automatizzazione cancelli, sistemi elettronici e video, sostituzione automezzi ) ma rivolgendo l’attenzione anche alle postazioni di servizio dei Colleghi, sostituendo ed innovando arredi.


Serve quindi che gli investimenti su questo Istituto non subiscano eccessivi ritardi e/o riduzioni nell’ammontare economico.
E’ per questo che sollecitiamo il DAP affinché prosegua con regolarità il flusso nell’assegnazione di risorse, considerato anche il ruolo strategico della C.C. di Catanzaro in ordine ai bisogni di attività penitenziarie anche di altre Province; ci riferiamo agli arrivi di detenuti per la celebrazione di processi importanti, ma anche del peso delle assegnazioni temporanee per quanto attiene ad attività sanitarie con visite e ricoveri in luoghi esterni di cura dei detenuti. Un carico di lavoro quindi non solo riferibile a questo singolo Istituto ma al servizio di più realtà calabresi.
Ma un aspetto preoccupante per questo Penitenziario è la grave carenza del Personale di Polizia Penitenziaria – in tutti i Ruoli – per circa il 23 % del totale generale previsto dal Decreto Ministeriale. Mancano infatti 107 unità alle 470 previste e di queste il dato più grave è quello sul Ruolo iniziale degli Agenti/Assistenti ( - 71 unità).
E’ questo un dato in controtendenza con il dato nazionale dove il Ruolo iniziale del Corpo risulta paradossalmente in esubero. Sulla dotazione organica del Personale tutta la Calabria soffre, anche perché la media di carenza tra dotazione teorica ( quella prevista dal D.M. ) e quella effettivamente amministrata sul territorio calabro è di circa il 19% per oltre 370 Unità.
Tornando alla situazione locale di Catanzaro serve segnalare l’esigenza di completare gli interventi di cui da tempo si discute con la Direzione ed il PRAP, circa il Block-House, che deve essere ristrutturato ed a parere di chi scrive anche spostato logisticamente; infatti segnaliamo che tale presidio servirebbe spostarlo all’inizio della strada d’ingresso all’area del penitenziario e non lasciandolo - come oggi è - collocato nelle adiacenze della palazzina destinata ad attività del Personale.
Questa soluzione si colloca però in un quadro più generale d’intervento sulla riorganizzazione del lavoro che – tramite la contrattazione sindacale – potrà portare a migliorare la situazione; detta riorganizzazione passa anche nell’esigenza di emanazione di nuove Tabelle di Consegna che possono e devono aiutare il Personale ad una miglior chiarezza nell’espletamento del servizio d’Istituto.
In occasione della visita a Catanzaro abbiamo altresì incontrato Colleghi e Colleghe che hanno diffusamente segnalato l’esigenza di una valorizzazione degli spazi destinati al benessere del Personale che oggi mostrano varie carenze ed alcune criticità strutturale (Caserma, Spaccio e Mensa).
Così come serve intervenire per gli spazi destinati a parcheggio delle auto private del Personale, attività che oggi avviene in spazi promiscui indistintamente destinati al parcheggio sia del Personale che dei visitatori esterni al carcere e/o dei familiari della popolazione detenuta (una situazione che mostra talvolta anche motivi di opportunità, visto che separare detti spazi eviterebbe inutili tensioni a volte registrate).
Confidando in una Sua attenzione si rimane in attesa di un Suo cortese quanto celere riscontro e si porgono cordiali saluti.
Il Segretario Generale
Pompeo MANNONE

Accesso Registrato

Conquiste del Lavoro

conquiste

 

Confederazione CISL

cisl

 

Servizi CISL

noi cisl