Stampa

Protesta VVF Reggio Calabria

on . Postato in Notizie

manifestazione sitinOggetto: Protesta dei Vigili del Fuoco di Reggio Calabria.

 

Egregi,

sicuramente sarete a conoscenza di un’iniziativa sindacale promossa per oggi da CGIL.CISL-UIL Vigili del Fuoco di Reggio Calabria che vedrà il personale  impegnato  in una protesta portata direttamente sotto  la sede della locale Prefettura.......

 

Stampa

Stato d'agitazione vvf Sicilia

on . Postato in Notizie

vvfmessina

Egregi,sicuramente sarete a conoscenza della nota del 26 marzo u.s. con la quale la maggioranza delle strutture sindacali regionali siciliane hanno indetto lo stato di agitazione di tutto il personale Vigili del Fuoco in servizio nell’isola.....

 

 

Stampa

Emergenza L’AQUILA.

on . Postato in Notizie

terremoto_castelnuovoEgregio Ministro,

come è noto la legge n° 26 del 26 Febbraio 2010, ha prolungato la presenza dei vigili del fuoco nei territori della Regione Abruzzo colpiti dal sisma del 6 Aprile 2009, per la prosecuzione delle attività volte a garantire il superamento dell’emergenza.

 

Ai sensi dell’art. 14bis della legge citata, infatti, il personale vigilfuoco avrà la responsabilità di assicurare gli interventi di soccorso pubblico necessari, in ragione dei precipui compiti istituzionali, sino al 30 Giugno 2010.

 

Tale condizione, ovvero l’impiego del personale per compiti esclusivamente istituzionali, era già stata oggetto di discussione nella riunione del 21 Ottobre 2010, con i vertici del Dipartimento, all’indomani del superamento della fase più grave dell’emergenza.

 

In quella riunione, l’Amministrazione si impegnò ad utilizzare il personale per la supervisione delle operazioni di demolizione e puntellamento e per le operazioni di puntellamento nei casi particolarmente complessi e sugli edifici storici.

 

Tutti interventi, questi, che richiedono elevata competenza tecnica ed in linea con i compiti istituzionale del Corpo.

 

Sino a qualche giorno fa, tale determinazione, che trovò il consenso della scrivente organizzazione, è stata sostanzialmente rispettata.

 

Poiché, oggi, ci risulta che l’utilizzo dello stesso personale è indirizzato anche in altre attività, é necessario comprendere, innanzitutto, se sul territorio dell’Aquila permangono ancora le necessità di soccorso tecnico urgente; in caso contrario è doveroso valutare se la presenza del Corpo sia ancora necessaria nelle zone colpite dal sisma.

 

In ogni caso ribadiamo che la presenza e l’utilizzo dei Vigili del Fuoco nelle aree di emergenza dovranno sempre essere corrispondenti al loro ruolo istituzionale ed eventuali sconfinamenti debbono essere riportati nell’alveo di competenza.

 

Rimanendo in attesa, di conoscere gli obiettivi concreti che il Corpo deve perseguire nella fase attuale nelle zone terremotate inviamo distinti saluti.


Il Segretario Generale

(Pompeo Mannone)

Stampa

Sicurezza sul lavoro Vigili del fuoco centro del sistema prevenzione

on . Postato in Notizie

conquiste Il Corpo nazionale dei Vigili del fuoco come è noto a tutti i cittadini del Paese è l'organizzazione dello Stato deputata a salvaguardare la vita e tutelare i beni in tutto il territorio. Questa attività essenziale per le comunità sia nell' ordinario che nelle calamità è ben conosciuta ed apprezzata da tutti e non necessita di essere ricordata poiché essa è giustamente riconosciuta in Italia ed anche a livello internazionale. Quello che invece non è del tutto noto specialmente alla politica ed ai mass media è l’attività di prevenzione antincendio che svolge quotidianamente il Corpo e come questa possa essere una grande opportunità per migliorare il ”sistema prevenzione” nell’ambito della sicurezza sui luoghi di lavoro. Sicurezza dei lavoratori colpevolmente sottovalutata che si erge continuamente alla ribalta quotidiana per i numerosi incidenti sul lavoro che accadono e che ancora non trova ancora la giusta cultura adeguata e la dimensione attuativa degna di un Paese civile. Riteniamo che per gli interessi generali della sicurezza sui luoghi di lavoro, il Corpo debba e possa essere il perno centrale del sistema prevenzione nei luoghi di lavoro. L’elenco delle attività che il Corpo svolge nel settore della prevenzione incendi e della sicurezza sui luoghi di lavoro che brevemente rappresentiamo è il concreto biglietto da visita a supporto della proposta avanzata: esame progetti e sopralluoghi per il rilascio del certificato di prevenzione incendi; vigilanza nei locali pubblico spettacolo; partecipazione a Commissioni collegiali esterne di Vigilanza nei locali di Pubblico Spettacolo, esplosivi, carburanti, oli minerali, gas tossici; attività certificativa per addetti all'attuazione delle misure di prevenzione, lotta antincendio e gestione delle emergenze nei luoghi di lavoro; partecipazione a Comitati tecnici nazionali ed europei, attività di certificazione e omologazione di prodotti. Da tali attività si deduce che il Corpo nazionale ha costruito un sistema di prevenzione incendi che produce sicurezza complessiva. Oltre 500 morti in meno per causa d’incendio ogni anno. Primato in Europa. Minor numero di interventi di soccorso tecnico urgente a causa d’incendio e l'attività di prevenzione incendi che viene espletata con la massima efficienza ed efficacia mediante il ricorso ai supporti telematici: l’agenda on line e la prevenzione on line assicurano tempi di risposta brevi e trasparenza nell’azione amministrativa e rappresentano l’eccellenza della pubblica amministrazione. Il Corpo dunque è nelle condizioni di costruire, in sinergia con gli enti datoriali e con le organizzazioni sindacali, un ”sistema di sicurezza” sui luoghi di lavoro efficiente ed efficace, semplicemente trasferendo il proprio know-how. Infatti, l'abitudine a valutare i rischi e ad adottare le misure più adeguate di prevenzione e protezione necessarie, rappresenta un processo logico e naturale per i Vigili del fuoco che, quotidianamente ed a diverso livello lo fanno nei 750.000 ”cantieri” annui (interventi di soccorso) in cui intervengono. Il primo contributo determinante nel settore è l'adozione del decreto indicato nell'art. 46 del D.L.vo 81/2008 che prevede l'istituzione presso ogni Direzione regionale dei Vigili del fuoco, di nuclei specialistici per l'effettuazione di una specifica attività di assistenza alle aziende. Ma il Corpo Nazionale dei VVF può andare oltre. Considerata la propria presenza capillare sul territorio e la diffusa professionalità del proprio personale, può diventare una "task-force della sicurezza civile" (operare sia negli ambienti di lavoro e non) avente l'obiettivo di far crescere le condizioni di sicurezza in tutti gli ambienti ivi compresi quelli di lavoro. Per questo prioritario scopo si potrebbe impiegare il personale in attività di formazione, controllo/ verifica nei cantieri temporanei e mobili e nelle aziende. Chiaramente questo tipo attività di controllo deve essere effettuata in coordinamento con gli altri organi di vigilanza che operano nel settore e necessita di investimenti produttivi.

Segretario Generale Fns Cisl Pompeo Mannone.

Stampa

VVF: ORDINANZA CONSIGLIO DI STATO CONCORSO CAPO SQUADRA

on . Postato in Notizie

sit-in2luglioCari Amici,

vi informiamo che il Consiglio di Stato nella seduta del 23 u.s. riunitosi per trattare il ricorso dell’Amministrazione avverso la sentenza del TAR del Lazio sulla questione del concorso a capi squadra, ha accolto la richiesta di SOSPENSIVA della sentenza del TAR avanzata dall’Amministrazione.

Pertanto gli uffici centrali dell’Amministrazione sono nella condizione di riattivare tutta la procedura per i concorsi a capo squadra decorrenza 2007-2008.

Cordiali saluti.

Il Segretario Generale

Pompeo Mannone

Accesso Registrato

Conquiste del Lavoro

conquiste

 

Confederazione CISL

cisl

 

Servizi CISL

noi cisl