Stampa

CARCERI: FNS CISL, ENNESIMA EVASIONE VERO SCANDALO, SISTEMA DA RIFORMARE

on . Postato in Notizie

evasioneCARCERI: FNS CISL "NUOVA EVASIONE VERO SCANDALO, SISTEMA DA RIFORMARE"
ROMA (ITALPRESS) - "L'ennesimo episodio di evasione avvenuto oggi dal carcere di Favignana e' un vero e proprio scandalo". Cosi' il segretario generale della Fns Cisl, la Federazione nazionale della sicurezza della Cisl, Pompeo Mannone. "Il sistema carcerario
italiano estremamente fragile e' subito da riformare. Ma purtroppo, a oggi, tanti proclami e nessun piano attuativo, si vive l'emergenza

quotidianamente. La carenza di organici nei
nostri istituti penitenziari - aggiunge - e' diventata ormai cronica e non puo' essere certo colmata dalle prossime decisioni del Ministro Orlando volte a far uscire il personale dalle sedi
non operative. Occorre un piano straordinario proporzionato all'emergenza, almeno 5.000 nuovi agenti ed investimenti sulle tecnologie affinche' il controllo delle mure di cinta e dei
perimetri esterni delle celle siano effettuati elettronicamente come i tempi moderni richiedono. Si debbono costruire nuovi
istituti di pena perche' gli attuali non sono sufficienti ad ospitare la popolazione detenuta. Peraltro, l'innovazione della sorveglianza dinamica non puo' essere attuata nella maggior parte delle carceri per le strutture architettoniche risalenti all'eta' borbonica. Un numero cosi' alto di evasioni non puo' essere un fatto normale e merita una riflessione attenta e possibilmente condivisa", conclude.
(ITALPRESS).
ads/com
28-Ott-17 19:28
NNNN

CARCERI: FNS CISL, ENNESIMA EVASIONE VERO SCANDALO, SISTEMA DA RIFORMARE =

Mannone, sistema estremamente fragile da riformare. Tanti proclami ma nessun piano attuativo

Roma, 28 ott. - (AdnKronos) - "L'ennesimo episodio di evasione avvenuto oggi dal carcere di Favignana è un vero e proprio scandalo".
Lo dichiara in una nota il segretario generale della Fns Cisl, la Federazione nazionale della sicurezza della Cisl, Pompeo Mannone.

"Il sistema carcerario italiano estremamente fragile è subito da riformare. Ma purtroppo, ad oggi, tanti proclami e nessun piano
attuativo, si vive l'emergenza quotidianamente - denuncia - La carenza di organici nei nostri istituti penitenziari è diventata ormai cronica
e non può essere certo colmata dalle prossime decisioni del ministro Orlando volte a far uscire il personale dalle sedi non operative. Occorre un piano straordinario proporzionato all'emergenza, almeno 5000 nuovi agenti e investimenti sulle tecnologie affinché il
controllo delle mura di cinta e dei perimetri esterni delle celle siano effettuati elettronicamente come i tempi moderni richiedono".

"Si devono costruire nuovi istituti di pena perché gli attuali non sono sufficienti ad ospitare la popolazione detenuta - osserva ancora il leader della Fns Cisl - Peraltro, l'innovazione della sorveglianza dinamica non può essere attuata nella maggior parte delle carceri per le strutture architettoniche risalenti all'età borbonica. Un numero così alto di evasioni non può essere un fatto normale - conclude Mannone - e merita una riflessione attenta e possibilmente condivisa".
(Sin/AdnKronos)

ISSN 2465 - 1222
28-OTT-17 19:22

NNNN

Accesso Registrato

Conquiste del Lavoro

conquiste

 

Confederazione CISL

cisl

 

Servizi CISL

noi cisl